Monday, April 27, 2015

Earthquake among the Jesuits, the Pontifical Oriental Institute (Terremoto tra i gesuiti, al Pontificio Istituto Orientale)

The following is a Google Translate version of the original article in Italian:

Ousted by General of the Society of Jesus, the rector and the two deans. The scholar of Islam Samir Khalil Samir new regent provisional. A disaster foretold years

Sandro Magister

ROME, April 21, 2015 - Last week the Pontifical Oriental Institute mourned the mysterious disappearance of his teacher, father Lanfranco Rossi, found dead in a country not far from Rome.

But always the last week has invested the institute also a boar and its institutional earthquake, with the deposing of its governing body.

The notification of the order, signed by the superior general of the Society of Jesus, Father Adolfo Nicolás Pachón, Vice Chancellor of the institute, remained posted on the bulletin board just for one day. But many have been able to read it and know.

From Tuesday, April 14, the rector James McCann and deans of the two faculties of the ecclesiastical and canon law eastern Philippe Luisier and Michael Kuchera, all Jesuits, have fallen from their roles.

A hold temporarily the institute, with the status of pro-rector of "interim", was named Father Samir Khalil Samir, 77, a Jesuit, born in Egypt, renowned Orientalist and scholar of Islam, a former professor at the Université Saint-Joseph Beirut and in other universities in Europe and America.

And as a new pro-deans were appointed fathers Edward G. Farrugia and Sunny Thomas Kokkaravalayil. The only one who has remained in its place is the father Massimo Pampaloni, but downgraded from vice rector at pro-vice chancellor.

The ordinance went into immediate execution, without waiting for the start of the new academic year. In the letter in which he notified the measure, the general of the Jesuits tried again the spirit "uncharitable" that has disrupted the teaching community, with serious damage to the mission of the institute.

The Pontifical Oriental Institute was created nearly a century ago, in 1917, by Pope Benedict XV, along with the Congregation for Eastern Churches, whose prefect - who is currently Cardinal Leonardo Sandri - it is also Chancellor.

In 1922 Pius XI entrusted the institute to the Society of Jesus, reserving to the pope the appointment of the rector, on a proposal Autonomous superior general after hearing teachers Jesuits.

In recent months, the deans and professors of the institute had demanded the dismissal of the rector, the American McCann, judged incapable of driving the car academic. The general of the Jesuits sent an inspector in the person of Father Gianfranco Ghirlanda, former rector of the Pontifical Gregorian University and expert canonist. And the result was, in fact, the elimination of the board.

McCann's father who did not enjoy special appreciation even in the Vatican could be guessed on 19 February 2014, when they were appointed consultors of the Congregation for Eastern Churches vice rector and deans Pampaloni Luisier and Kuchera, but not him, the rector in charge: humiliation all the more searing as secretary of the congregation was - and still is - one of his fellow Jesuit, Archbishop Cyril Vasil Slovak rite greek.

However, concern that the disaster is not a single person but the whole institution had long been under the eyes of all, without which no one will be remedied.

The complaint of the disaster emerged the first time in public on 15 December 2011 in a solemn moment and in front of the entire faculty, at the farewell ceremony of Father Robert F. Taft (pictured), the US, eminent liturgist , the last of the great teachers of the golden age of the Pontifical Oriental Institute, like the fathers Tomás Spidlik, Moravian, made a cardinal by Pope John Paul II in 2003, and Miguel Arranz Lorenz, Spanish.

To keep the "laudation" in honor of Taft - later published in the journal "Studies in the Christian East" and therein readable on line - was Stefano Parenti, Professor of Eastern liturgies at St. Anselm Pontifical Athenaeum in Rome and a disciple of the same Taft, with whom is now publishing a monumental history of the Byzantine liturgy in several volumes, for the types of the Greek Abbey of San Nilo a Grottaferrata.

Relatives said among other things:

"Unlike today, at the end of the eighties of the twentieth century the Pontifical Oriental Institute was a place of excellence for the study of the Eastern liturgies, especially the Byzantine liturgy. Who in the future sobbarcherà the burden of writing the story will ascertain the responsibilities that have led to a 'debacle' so sensational, in a game in the massacre, observed from a distance with the detachment of one who does not feel involved, sees an arena deserted, with no winners and no losers. "

And again:

"We are facing what in politics is called 'system problem', has long been known but ignored by those who had the task of monitoring. To this must be added the precariousness of many contracts and singular mode of recruitment and promotion of teachers , so there are professors stable in a good state university European or American, in the most favorable case, researchers would have remained until retirement. "

In fact, even today, just scroll down the table of courses to notice the precariousness of many teachings, trust in teachers raccogliticci, in a temporary transfer to other universities and reduced to do in a few weeks what should last an entire semester, to the detriment of the students .

To say nothing of the loss of the institution to its primary task of service to the Church, at a time of serious crisis in the Muslim and Christian, from Syria to Ukraine, a time when a contribution of consulting and study would be more necessary than ever.

As well as unproductive on these crucial issues, the Pontifical Oriental Institute has reported in recent months for the sensational defection of his former Vice Chancellor, Constantin Simon, American of Ukrainian-Hungarian specialist of Russian Christianity.

Released by the Society of Jesus and the Catholic Church, Simon was solemnly welcomed as a priest in the Russian Orthodox Church June 7, 2014, in a ceremony officiated by Archbishop Amvrosij Peterhof, rector of St. Petersburg Theological Academy.

Some predict that the earthquake of these days is only the prelude to a temporary closure of the institution, in view of its radical restructuring.


The official website of the institute:

> Pontifical Oriental Institute

The full text of the "laudatio" in 2011 in honor of Robert F. Taft, with prescient denunciation of the "debacle" of the Pontifical Oriental Institute:

> The legacy of Robert F. Taft science liturgical


The critical analysis of paragraphs of Islam "Evangelii gaudium" Pope Francis made by Father Samir Khalil Samir, the new pro-rector of "interim" of the Pontifical Oriental Institute:

> Islam and Christianity. Where dialogue stumbles (30/12/2013)


POSTSCRIPT - At this Article replied Father Cesare Giraudo, professor emeritus of the Pontifical Oriental Institute and dean from 1998 to 2005 the Faculty of Eastern ecclesiastical:

> Healthy temporal, not the earthquake, at the Pontifical Oriental Institute


Terremoto tra i gesuiti, al Pontificio Istituto Orientale

Esautorati dal generale della Compagnia di Gesù il rettore e i due decani. L'islamologo Samir Khalil Samir nuovo reggente provvisorio. Un disastro preannunciato da anni 

di Sandro Magister

ROMA, 21 aprile 2015 – La scorsa settimana il Pontificio Istituto Orientale ha pianto la misteriosa scomparsa di un suo docente, padre Lanfranco Rossi, trovato senza vita in una campagna poco lontano da Roma.

Ma sempre la scorsa settimana ha investito l'istituto anche un verro e proprio terremoto istituzionale, con l'esautorazione del suo corpo dirigente.

La notifica del provvedimento, firmata dal preposito generale della Compagnia di Gesù, padre Adolfo Nicolás Pachón, vice gran cancelliere dell'istituto, è rimasta affissa sull'albo solo per un giorno. Ma tanti hanno potuto leggerla e sapere.

Da martedì 14 aprile il rettore James McCann e i decani delle due facoltà di scienze ecclesiastiche e di diritto canonico orientali Philippe Luisier e Michael Kuchera, tutti gesuiti, sono decaduti dai loro ruoli.

A reggere temporaneamente l'istituto, con la qualifica di pro-rettore "ad interim", è stato chiamato padre Samir Khalil Samir, 77 anni, gesuita, nato in Egitto, orientalista e islamologo di fama, già professore alla Université Saint-Joseph di Beirut e in altri atenei d'Europa e d'America.

E come nuovi pro-decani sono stati nominati i padri Edward G. Farrugia e Sunny Thomas Kokkaravalayil. L'unico che è rimasto al suo posto è padre Massimo Pampaloni, ma declassato da vice rettore a pro-vice rettore.

L’ordinanza è andata in esecuzione immediata, senza attendere l’inizio del nuovo anno accademico. Nella lettera con la quale ha notificato il provvedimento, il generale dei gesuiti ha riprovato lo spirito "non caritatevole" che ha disgregato la comunità docente, con grave danno per la missione dell'istituto.

Il Pontificio Istituto Orientale è stato creato quasi un secolo fa, nel 1917, da papa Benedetto XV, assieme alla congregazione per le Chiese orientali, il cui prefetto – che attualmente è il cardinale argentino Leonardo Sandri – ne è anche gran cancelliere.

Nel 1922 Pio XI affidò l'istituto alla Compagnia di Gesù, riservando al papa la nomina del rettore, su proposta autonoma del preposito generale dopo aver sentito i docenti gesuiti.

Nei mesi scorsi i decani e alcuni professori dell'istituto avevano chiesto la destituzione del rettore, lo statunitense McCann, giudicato incapace di guidare la macchina accademica. Il generale dei gesuiti inviò un ispettore nella persona di padre Gianfranco Ghirlanda, già rettore della Pontificia Università Gregoriana ed esperto canonista. E il risultato è stato, appunto, l'azzeramento del direttivo.

Che padre McCann non godesse di particolare apprezzamento nemmeno in Vaticano lo si era intuito già il 19 febbraio 2014, quando furono nominati consultori della congregazione per le Chiese orientali il vice rettore Pampaloni e i decani Luisier e Kuchera, ma non lui, il rettore in carica: un'umiliazione tanto più bruciante in quanto segretario della congregazione era – ed è tuttora – un suo confratello gesuita, l'arcivescovo slovacco di rito greco Cyril Vasil.

Tuttavia, che il disastro riguardasse non una singola persona ma l'insieme dell'istituto era da tempo sotto gli occhi di tutti, senza però che nessuno vi ponesse rimedio.

La denuncia di tale disastro affiorò la prima volta in pubblico il 15 dicembre 2011, in un momento solenne e di fronte all'intero corpo accademico, in occasione della cerimonia di congedo di padre Robert F. Taft (nella foto), statunitense, liturgista insigne, l'ultimo dei grandi docenti del periodo d'oro del Pontificio Istituto Orientale, al pari dei padri Tomás Spidlik, moravo, fatto cardinale da Giovanni Paolo II nel 2003, e Miguel Arranz Lorenz, spagnolo.

A tenere la "laudatio" in onore di Taft – poi pubblicata sulla rivista “Studi sull’Oriente Cristiano” e ivi leggibile on line – fu Stefano Parenti, professore di liturgie orientali al Pontificio Ateneo Sant'Anselmo di Roma e discepolo dello stesso Taft, assieme al quale sta ora pubblicando una monumentale storia della liturgia bizantina in più volumi, per i tipi dell'Abbazia Greca di San Nilo a Grottaferrata.

Parenti disse tra l'altro:

"A differenza di oggi, alla fine degli anni Ottanta del XX secolo il Pontificio Istituto Orientale era luogo d’eccellenza per lo studio delle liturgie orientali, in particolare della liturgia bizantina. Chi in futuro si sobbarcherà l’onere di scriverne la storia saprà accertare le responsabilità che hanno condotto a una 'débâcle' tanto clamorosa, in un gioco al massacro che, osservato a distanza con il distacco di chi non si sente coinvolto, vede un’arena deserta, senza vincitori e senza vinti".

E ancora:

"Ci troviamo dinanzi a quello che in politica si chiama 'problema di sistema', noto da tempo ma ignorato da chi aveva il compito di vigilare. A ciò si devono sommare la precarietà di tanti contratti e le modalità singolari di reclutamento e promozione dei docenti, per cui vi sono professori stabili che in una buona università statale europea o americana, nella più favorevole delle eventualità, sarebbero rimasti ricercatori fino alla pensione".

In effetti, anche oggi basta scorrere la tabella dei corsi per notare la precarietà di tanti insegnamenti, affidati a docenti raccogliticci, in temporanea trasferta da altre università e ridotti a fare in poche settimane ciò che dovrebbe durare un intero semestre, a tutto danno degli allievi.

Per non dire del venir meno dell'istituto al suo compito primario di servizio alla Chiesa, in un momento di gravissima crisi nell'oriente musulmano e cristiano, dalla Siria all'Ucraina, un frangente in cui un contributo di consulenza e di studio sarebbe più che mai necessario. 

Oltre che improduttivo su questi temi cruciali, il Pontificio Istituto Orientale si è segnalato nei mesi scorsi anche per la clamorosa defezione di un suo ex vicerettore, Costantin Simon, americano di origini ucraino-ungheresi, specialista del cristianesimo russo.

Uscito dalla Compagnia di Gesù e dalla Chiesa cattolica, Simon è stato solennemente accolto come sacerdote nella Chiesa ortodossa russa il 7 giugno 2014, in un rito officiato dall'arcivescovo Amvrosij di Peterhof, rettore dell'accademia teologica di San Pietroburgo.

C'è chi prevede che il terremoto di questi giorni sia solo il preludio di una temporanea chiusura dell'istituto, in vista di una sua radicale ristrutturazione.


Il sito web ufficiale dell'istituto:

> Pontificio Istituto Orientale

Il testo integrale della "laudatio" del 2011 in onore di Robert F. Taft, con la preveggente denuncia della "débâcle" del Pontificio Istituto Orientale:

> Il lascito di Robert F. Taft alla scienza liturgica


L'analisi critica dei paragrafi sull'islam della "Evangelii gaudium" di papa Francesco fatta da padre Samir Khalil Samir, il nuovo pro-rettore "ad interim" del Pontificio Istituto Orientale:

> Islam e cristianesimo. Dove il dialogo inciampa (30.12.2013)


POST SCRIPTUM – Al presente articolo ha replicato padre Cesare Giraudo, docente emerito del Pontificio Istituto Orientale e decano dal 1998 al 2005 della facoltà di scienze ecclesiastiche orientali:

> Salutare temporale, non terremoto, al Pontificio Istituto Orientale


No comments: